Non trattare tuo figlio come una spugna

Non trattare tuo figlio come una spugna

Qualcuno ti ha detto che sei troppo esigente con tuo figlio e che non è una spugna?

Se non ti è chiaro cosa intendesse, guarda il video qui sotto:

Vuoi che tuo figlio dia il meglio in tutto quello che fà. Che dia il massimo. Hai delle grandi aspettative su di lui. Questo atteggiamento ti fa onore perchè le generazioni di ragazzi di oggi, quelle che vengono chiamate “Nativi Digitali”, hanno bisogno di confrontarsi con i propri limiti per superarli, per crescere. Infatti, con le dovute differenze tra ciascuna storia personale, li abbiamo molto coccolati: li abbiamo fatti crescere nel benessere e protetti dai pericoli. Questo a volte li rende molto fragili, perchè alla minima difficoltà, non essendo abituati al confronto con essa, si spaventano.

Accade quindi che hanno dei talenti che non riescono a sfruttare. Se stai chiedendo tanto a tuo figlio, lo stai aiutando a sfruttare al massimo i suoi talenti. Lo stai facendo nella scuola, nel tempo libero, nello sport, o per esempio nel volontariato.

A volte questo nostro atteggiamento di genitori ci fa perdere la bussola: nel senso che esageriamo. Nutriamo nei confronti dei nostri figli attese assolutamente irrealistiche, troppo elevate rispetto ai loro talenti. E’ il caso per esempio di questa spugna, alla quale ho chiesto tanta acqua, ma più di così, non può darmi. Oramai è secca. A volte i nostri figli si ritrovano come questa spugna sgualcita: più acqua di così proprio non possono dare. E’ inutile continuare a strizzare.

Il rapporto con tuo figlio è difficile e lui sembra essere come la spugna sgualcita del video?

Non aspettare che la situazione peggiori! Contattami ora: scrivi a info@gabrieleachilli.it

Gabriele Achilli – Psicologo Milano

Chiama ora per una consulenza: 3357832078