Smettere di lamentarsi

Perchè smettere di lamentarsi migliora la tua vita

“Smettere di lamentarsi è impossibile: come si fa?” E’ quanto mi scrive Elisa via Mail.

Elisa in una recente mail mi scrive:

“Ma come si può fare a stare 24h senza lamentarsi? Esistono delle condizioni di partenza particolari? Penso che durante la giornata lavorativa sia un traguardo davvero difficile”.

Ecco la risposta per iscritto e il video girato sull’argomento:

SMETTERE DI LAMENTARSI è una condizione mentale legata alla capacità di accettare ciò che è diverso da noi. Si allena con molta calma e dedizione e porta a stati di pace interiore profonda, simile a quella che discipline orientali possono fare raggiungere. Ci sono molte tecniche per raggiungere questo stato: meditazione, mindfulness, preghiera, rilassamento corporeo, yoga … L’esercizio proposto nel video è uno di questi. Difficile applicarlo come tu stessa hai riconosciuto!

Per questa ragione è importante ricordare lo SCOPO e A CHI E’ UTILE smettere di lamentarsi.

Lo scopo di smettere di lamentarsi

Lo scopo come detto è aumentare, nella nostra mente, la capacità di accettare ciò che è diverso da noi: una persona che agisce lontano dalle nostre convinzioni, dai nostri valori o dai nostri gusti personali, un oggetto di cui non capiamo il senso o la ragione di esistere, un comportamento che disapproviamo con disprezzo.

A chi è utile smettere di lamentarsi

E poi a chi è più utile: alle persone ipercritiche, alle persone molto esigenti verso se stesse e gli altri, a quelle che giudicano o svalutano se stesse e gli altri. Come riconoscersi in questa categoria? Da come gli altri dicono di noi: se annoverano tra i nostri difetti quanto detto, allora è proprio così.

Serve dunque esercitarsi ad essere meno critici, partendo da smettere di lamentarsi. Ventiquattro ore sembrano troppe? Partire da 60 minuti. Sessanta minuti senza lamenti.

E’ una pratica sconsigliata, anzi dannosa se siamo persone che sono l’opposto del “critico”: se diciamo sempre si agli altri, se facciamo fatica ad imporci, se accettiamo passivamente quel che ci accade e l’opinione della maggioranza, in generale se tendiamo ad essere sottomessi/e. In questo caso invece, l’esercizio del video è inutile, perchè va a confermare il proprio ruolo di sottomissione, che invece è la causa (per chi lo prova), del proprio malessere interiore.

Gabriele Achilli Psicologo Milano

Chiama ora per un consulto: 3357832078