Il rapporto tra adolescenti e genitori in tre parole: prestazione, domanda, speranza

Tre parole per riflettere sul rapporto tra adolescenti e genitori. La prima è Prestazione: “se io facessi qualcosa di sbagliato, i miei genitori mi amerebbero ancora?”, “Come posso essere il figlio che desiderano?”. Sono alcune domande dei ragazzi quando chiedo del loro rapporto con i genitori. Hanno in comune l’ansia da prestazione: sono all’altezza delle loro aspettative? Allora la domanda che mi faccio è: Li incoraggiamo a trovare la loro strada o ci preoccupiamo che siano ciò che non siamo riusciti a diventare noi?

La seconda parola è Domanda. I ragazzi fanno domande sulla storia sacra dell’amore di voi genitori: “come vi siete conosciuti?”, “come è stato il vostro fidanzamento?”. Conoscere il vostro inizio è simbolicamente conoscere anche la loro origine.

Infine la terza: Speranza. I figli chiedono tutti la stessa cosa: “datemi speranza”. Speranza che anche se per voi il rapporto si è rotto, non si è rotto il modo umano di relazionarvi. E speranza che chi ha ancora i genitori assieme possa vedere, nella loro relazione, la tenerezza e l’attenzione di due che si amano ancora. Stiamo dando la possibilità ai nostri figli di sperare nell’amore?

Dott. Gabriele Achilli

Problemi con tuo figlio? Chiama per fissare un incontro: 335.7832078, info@gabrieleachilli.it