Adolescente dipendente da smartphone

Adolescente dipendente da smartphone: perché?

Perché a tuo figlio piacciono i social network? Per lui è impossibile farne a meno

Avere un adolescente dipendente da smartphone è un pericolo a cui ogni genitore minimamente responsabile teme di andare incontro. Le due strategie opposte sono:

  1. Nessun limite, la tecnologia è il futuro, mio figlio ne faccia l’uso che crede. E poi senza telefono, mio figlio sarebbe un emarginato perché tutti i suoi amici ce l’hanno
  2. I social network sono la morte delle relazioni, vanno evitati come la peste

Sai già che entrambe le strategie sono estreme e pericolose. Più difficile è trovare un sano equilibrio per il bene di tuo figlio.

Effettivamente le recenti ricerche ci dicono che i social network sono una delle risorse più importanti a disposizione degli adolescenti per la scoperta di se stessi. Peccato, perché esistono un sacco di altri modi. Tuo figlio non lo sa e in mancanza di proposte alternative (che possono arrivare solo da noi adulti), rischia di essere un altro adolescente dipendente da smartphone. Vediamo nel dettaglio:

2 motivi del perché a tuo figlio piacciono i social network?

Circa il 95% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni e il 91% dei giovani fra i 20 e i 29 anni sono regolarmente online. Ma perché gli piacciono così tanto? Molte le ragioni, ma eccone alcune importantissime:

  • La rete offre modelli, stili di vita, mode di abbigliamento da poter scoprire e imitare
  • La rete mostra soluzioni (a volte discutibili o parziali) a conflitti e decisioni difficili

Perché i social network attirano di più di tv, radio, cinema e giornali?

Voi direte che anche la TV, il Cinema e la Radio svolgono già da decenni queste due funzioni. In cosa consiste la novità? La novità è una sola ed è rivoluzionaria. Ha effetto sui nativi digitali come tuo figlio, ma in generale per chiunque abbia uno smartphone, quindi anche per noi. Con la Tv, la Radio e il Cinema sei uno spettatore, un ascoltatore di un contenuto realizzato da altri. E’ un contenuto che intercetta i tuoi gusti, i tuoi valori, il tuo stile di vita, ma non puoi modificarlo. Puoi solo avere una fruizione passiva.

Con i social network i giovani utenti sono attori e protagonisti. I ragazzi mettono in scena se stessi come nessun altro mezzo prima d’ora. E il protagonismo e il bisogno di trovare se stessi è uno dei compiti evolutivi principali in cui è impegnato un adolescente. Così i social network piacciono perché rispondono ai loro bisogni di ricerca ed espressione di sé. Gli argomenti di conversazione sono strettamente legati alla ricerca di sé. Infatti i contenuti dei loro profili sono:

  • amore
  • amicizia
  • sessualità
  • disimpegno e svago
  • ma anche religione e filosofia

Come nel caso delle scelte in fatto di abbigliamento, gusti musicali e amici, nei social gli adolescenti creano il loro profilo personale. Raccontano di sé e conoscono l’altro, segnalano film o band musicali preferite. Sperimentano relazioni senza obblighi formali. Provano sensazioni di appartenenza sentendosi legati attraverso la rete a tante altre persone.

Adolescente dipendente da smartphone: 5 rischi

I rischi li conosciamo bene. Basta non avere le fette di salame sugli occhi:

  1. Il rischio di isolamento: finisci per collezionare like e follower, ma dal vivo sei una frana
  2. Il rischio di condizionamento (vedi Blue Whale di cui ho parlato in questo articolo)

 

3. Il pericolo del cyberbullismo, di cui si è molto parlato e ti rimando a questo video qui:

4. La costante esposizione a contenuti pubblicitari che plasmano il desiderio di tuo figlio verso l’accumulo di cose, oggetti, vestiti …

5. Basta un niente, una piccola bravata per generare un evento FUORI CONTROLLO. Condividere una foto per sfottere un compagno e tutta la scuola l’ha ricevuta. Spendete del tempo con i vostri figli per aiutarli a vedere le conseguenze delle proprie azioni! Consapevolezza e coscienza valgono oro

Adolescente dipendente da smartphone: una storia vera

In queste settimane sto seguendo una adolescente in studio. Chiamiamola Sara. Tutto il tempo del nostro colloquio Sara lo passa con in mano il telefono. In sala d’aspetto, mentre aspetta di entrare, usa il telefono: chatta, naviga sui social network. In studio lo tiene in mano, sempre attaccato a se. Passa lo smartphone da una mano all’altra, lo mette in tasca per poi riprenderlo subito dopo. Lo tiene in mano come un bimbo terrebbe il suo pupazzo preferito. Per sentirsi sicuro quando mamma e papà non ci sono con lui. Quando glielo faccio notare, lo ammette, ma non lo posa. Continua a parlare, senza separarsene mai.

Sara non è un caso grave di adolescente dipendente da smartphone, ma ha paura del distacco dall’oggetto. Si vede in un particolare così semplice. Si sente nuda senza di lui. Persino le sue amiche le hanno detto, per stessa ammissione di Sara, che sta esagerando. Sara è a rischio di dipendenza. E tuo figlio?

Per concludere: ricordate la storia di narciso?

Questo articolo, lo dedico a Mario (nome finto ma altra storia vera). Mario è un nativo digitale che mi ricorda la storia di narciso. Proprio come il personaggio mitologico si specchiava nell’acqua, così molti adolescenti, come Mario si specchiano nei propri profili social:

“A forza di stare a fissare la sua immagine, gli erano spuntate le radici e di lui restava solo un bellissimo fiore. Le persone, venutolo a incontrare, di LUI trovavano solo una bulimia di foto sui suoi profili social”. 

Più tuo figlio si guarda allo specchio, più si preoccupa del suo aspetto fisico, più cerca la posa migliore per i suoi selfie e PIÙ É INSICURO. Vale anche per noi adulti!

E ricorda, se passi 2 ore sui social al giorno, avrai 3 volte in più il rischio di sentirti emarginato dal mondo. Sono i dati di una ricerca dell’ “American journal of preventive medicine”. Ancora stamattina 2 adolescenti, mi hanno confidato che la sera, all’insaputa dei genitori sono rimasti a chattare fino a notte fonda. E lo fanno regolarmente!

Facciamo qualcosa?

 

Dott. Gabriele Achilli

Problemi con tuo figlio adolescente? Chiama ora 335.7832078