scegliere l'università

I 3 strati per scegliere l’università: capacità, motivazione e identità

Gli strati dentro di te che devi da considerare per scegliere l’università

Per molti tuoi compagni la scelta è stata facile. Sono bastati un paio di open day, forse nemmeno quelli: avevano già e idee chiare e si sono già iscritti all’università. Per tutti gli altri come te, il percorso di orientamento universitario è più lungo, ma non avere dubbi: anche tu capirai presto cosa scegliere se terrai presente i tre cerchi concentrici dell’orientamento universitario. Sono capacità, motivazione e identità. L’ordine non è casuale ed ora scoprirai perché: immagina di essere una cipolla (si lo so, tu sei più bella/o di una cipolla … è una metafora ;-)).

Strato 1 per scegliere l’università, il più esterno: le capacità

Le capacità sono lo strato più esterno. Sono 15 anni che alleni le tue capacità e le usi a scuola. Le hai fatte crescere, ne hai scoperte di nuove con il tempo e ti è abbastanza chiaro quali sono le materie in cui riesci di più e quelle in cui riesci di meno. Sono esterne perché sono le più condizionate dall’ambiente: servono a fare qualcosa nell’ambiente (parlare con frasi di senso compiuto), o ad allenare capacità superiori (lo studio di funzioni matematiche). Sai inoltre che la riuscita è dipesa da alcuni insegnanti che ti sono stati più di aiuto, ma la gran parte del risultato è merito tuo: se hai 8 in matematica e 6 in italiano, hai già un buon indizio per scegliere. Sai che le facoltà dove la matematica è importante sono più in linea con le tue capacità.

Strato 2 per scegliere l’università, l’intermedio: la motivazione

La motivazione, come nelle gare sportive, può essere più importante delle capacità perché ha a che fare con il desiderio. Una persona motivata, desidera ciò che non ha. La desidera con tutto il cuore. Il desiderio è la molla della conoscenza: le fa fare un super balzo in avanti. Più grande è il desiderio è meno sentirai la fatica. Più grande è il desiderio e più sarà sostenibile la fatica che proverai nello studio di materie o esami difficili. E’ intermedio perché in parte più essere indotto dall’esterno (gli altri decidono per te), e in parte più venire da dentro di te (decidi tu). In questo caso è direttamente in connessione con l’ultimo strato: l’identità.

Strato 3 per scegliere l’università, il più profondo, il più importante: l’identità

Sto per farti una domanda difficile, non preoccuparti se non hai la risposta: la ricerca dura tutta una vita … Chi sei tu? Un leone non potrà mai essere una giraffa, nonostante tutta la motivazione e le sue capacità. Anzi più si intestardisce ad essere ciò che non è e più le sue capacità restano inespresse. Cerca un percorso di studi che ti permetta di realizzare ciò che senti di essere, anche nel lavoro.

Per riassumere, un buon orientamento universitario dipende da tre strati che hai dentro: le capacità (il più superficiale), la motivazione e infine l’identità (il più profondo).

Contattami ora per un aiuto professionale sul tuo orientamento universitario, scrivimi qui sotto.

Gabriele Achilli Psicologo milano

Chiama ora per un consulto: 3357832078